A Brescia la prova di qualificazione regionale Cadetti e Giovani

A Brescia la prova di qualificazione regionale Cadetti e Giovani

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

Si sono svolte a Brescia le prove di qualificazione regionale maschili e femminili Cadetti (15-17 anni) e Giovani (18-20 anni) di Spada, valide per l’accesso alla prima prova zonale di categoria. Sabato tra i Cadetti si distingue Leandro Levorin, che fa strike di vittorie nel girone eliminatorio, meritandosi il primo posto nella classifica parziale dopo il turno. Procede senza intoppi fino all’assalto che gli varrebbe l’accesso ai sedicesimi di finale, ma nell’ultima parte dell’incontro, condotto sempre sul filo della parità, non riesce ad aver ragione dell’avversario. Un’ottima prova, comunque, per Leandro, che dimostra sicurezza in pedana e una buona condizione tecnica e fisica, che gli permetterà presto di rifarsi. Bene e più maturo anche Mattia Gambino, con tre vittorie nel girone, anche lui sconfitto per i sedicesimi. Renan Anoardo, alla sua primissima esperienza in gara, conquista tre vittorie di spessore nel girone all’italiana e si ferma poi sconfitto 15-13 nell’assalto che gli sarebbe valso i trentaduesimi, potendo però essere soddisfatto della sua prestazi0ne in chiave futura. Pietro Fedeli risulta un po’ appannato nei primi incontri, finendo al 61° posto, mentre Daniele Lavezzari anche lui con due vittorie si ferma al 62°. Luca Amerighi, alla sua prima gara, è vittima dell’emozione e non riesce a conquistare l’accesso al tabellone di eliminazione diretta, ma certamente l’esperienza gli serve per rompere il ghiaccio in attesa della prossima gara. tra le Cadette di Spada femminile, Irene Ficco non ha ancora strutturato del tutto la propria scherma, ma dimostra voglia di capire e consapevolezza, che sono le due armi fondamentali per poter ambire ad un miglioramento che non tarderà ad arrivare. Giorgia Spinelli, per nulla intimorita dal fatto di essere alla sua prima gara, sconta la sua inesperienza, ma si dimostra già solida mentalmente, con diversi incontri persi di un solo punto, che diventano un concreto obbiettivo vittoria già dalla prossima gara.

La domenica Gambino e Levorin sono scesi di nuovo in pedana per la prova della categoria superiore, i Giovani, insieme a Michelangelo Nobili. Mentre Mattia inizia bene la gara, Leandro fatica a superare la gara del giorno precedente. Michelangelo paga invece l’inesperienza della sua prima gara. Tutti si fermano alle dirette, ma fanno importante esperienza nella categoria superiore.

Soddisfatti i Tecnici Monica Colombo e Loris Piccinni, che da questa prima gara acquisiscono importanti informazioni per pianificare nuovi obbiettivi su cui lavorare durante gli allenamenti.