Prima regionale Under-14 a Gerenzano: SchermaDesio c’è

Prima regionale Under-14 a Gerenzano: SchermaDesio c’è

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

Dopo i buoni risultati dei Campionati Regionali Assoluti di settimana scorsa, nel weekend tocca agli Under-14 impegnati nella Prima Prova Regionale difendere i colori di Scherma Desio. E i risultati non si fanno attendere. Sabato Giorgia Marino, nel Fioretto Femminile categoria Giovanissime (11 anni) conquista un prestigioso secondo posto, dopo aver dominato il girone all’italiana concluso con tutte vittorie e dopo aver scalato di turno in turo il tabellone di eliminazione diretta fino alla finale, dove cede solo di poche stoccate all’avversaria. Una prova convincente per Giorgia, che in pedana conduce fluidamente gli assalti, riuscendo a superare anche momenti difficili con lucidità e determinazione. Nella stessa gara bellissimo ottavo posto per Giada Cappellini, che con due vittorie nel girone approda al tabellone delle dirette e riesce a capovolgere un incontro difficile iniziato in svantaggio, per entrare nelle prime otto: traguardo che raggiunge a meritata ricompensa dell’impegno che dimostra sempre negli allenamenti e di un’avvenuta maturazione tecnica che lascia ora pregustare nuovi traguardi. Tra le Allieve (14 anni) di Fioretto, Serena D’Orto resta di poco fuori dalle prime 16, ma la sua prestazione è in netto miglioramento rispetto al passato, con tre vittorie nel girone e molta più consapevolezza negli assalti disputati. Domenica Riccardo Rossi nei Giovanissimi di Fioretto Maschile agguanta il quinto posto, con cinque vittorie sui sei incontri disputati nel girone e due convincenti vittorie nella diretta per i 16 e in quella per gli 8, dove recupera e batte 10-9 l’avversario in un assalto difficile e ben gestito. Tra gli Allievi di Fioretto, Lorenzo Cavalca ritorna nelle parti alte della classifica, con un bel 13° posto conquistato con determinazione: quattro incontri vinti sui cinque disputati al primo turno dei gironi e la vittoria perentoria per 15-7 nell’assalto che gli è valso l’accesso ai 16 dimostrano la sua ripresa sul piano mentale, che gli permette ora di guardare avanti con fiducia.