GPG Riccione: Campionato Italiano Under-14

GPG Riccione: Campionato Italiano Under-14

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

Si è conclusa la 55° edizione del Trofeo Renzo Nostini, Campionato Italiano per le categorie under 14, svoltosi a Riccione dal 16 al 22 maggio. Lorenzo Cavalca tra i Giovanissimi (11 anni) di Fioretto conduce con difficoltà il girone eliminatorio, non riuscendo ad entrare in gara e conquistando una sola vittoria. Riesce però a riscattarsi alla prima eliminazione diretta, che gli vale l’accesso ai 128 e che vince dimostrando sicurezza anche nei momenti difficili: una condizione che Lorenzo deve imparare a mettere in pedana sin dagli assalti del mattino. Tra i Ragazzi (12 anni) di Fioretto, Daniele Roncoroni è il migliore dei desiani, con il 105° posto finale e due vittorie nel girone, con Marco CassinaSimone Carbonella e Luca Lazzarini che si fermano alla diretta per i 128. Un’esperienza quella del GPG d Riccione che per questo gruppo di fiorettisti alle loro prime esperienze di gara, val da stimolo per impegnarsi a crescere e porsi l’obbiettivo del miglioramento. Tra gli Allievi (14 anni) di Fioretto, Lorenzo Diena non riesce a mettere pienamente a frutto la maturazione sia tecnica che fisica che indubbiamente non gli è mancata in questa stagione, fermandosi alla diretta per i 64. Tra gli Allievi di Spada, Martin Bianchi conduce un buon girone, anche se talvolta si lascia sfuggire qualche assalto che avrebbe potuto vincere. Martin dimostra poi una buona maturità nella diretta che gli vale l’accesso ai 128, dove vince su un avversario sulla carta molto più forte e meglio classificato di lui, mostrando anche capacità tecniche che dovrà imparare ad utilizzare con maggior costanza. Nella categoria Ragazzi di Spada Leandro Levorin conduce anche lui una gara con qualche rimpianto per alcune occasioni perse nel turno eliminatorio, fermandosi alla diretta per i 128, dove però tira con grande maturità, segno di una crescita concreta e possibile che dovrà essere sostenuta da una maggior consapevolezza delle proprie capacità.