A Terni in pedana i Cadetti di Fioretto e Spada

A Terni in pedana i Cadetti di Fioretto e Spada

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

Lungo weekend di gare a Terni per i Cadetti di Scherma Desio, impegnati nella seconda prova nazionale di categoria.

Venerdì sia Fabio Turri che Gabriele Pagani conducono una prova soddisfacente nel Fioretto Maschile. Fabio colleziona 4 vittorie ed 1 sconfitta nel girone, tirando bene e facendosi valere più volte; salta di dritto la prima diretta, tira e vince l’incontro per i 64,  perde poi per i 32, in un assalto che è l’unica vera nota stonata della giornata, dove paga la troppa poca pazienza e un atteggiamento in pedana non al pari dell’inizio giornata. Gabriele si ritrova in un girone molto difficile, ma ben sfrutta le sue capacità e non concede un centimetro agli avversari, ottenendo una sola vittoria ma disputando tutti gli incontri con decisione e buona tecnica. Perde alla prima diretta, trovando il modo di infilare una serie di buone stoccate ma pagando la poca iniziativa. Nel complesso soddisfazione espressa dall’Istruttore Luca Di Bartolo, Tecnico al seguito della squadra, ma anche coscienza che per poter fare di più bisogna dare di più, non tanto in gara, dove la grinta e la voglia non mancano, quanto in allenamento.

Domenica in pedana lo spadista Ilan Bavaresco: pur perdendo il primo assalto, si corregge, ascolta i consigli del Tecnico, recupera punti; al secondo incontro, con uno degli avversari più forti del girone, trovandosi quattro pari alla fine del tempo regolamentare gestisce con pazienza il minuto supplementare, finché per un episodio legato all’arbitraggio, che contesta, si lascia innervosire e il prosieguo della gara non lo vede al massimo della concentrazione. Riesce a vincere due incontri, che gli assicurano l’accesso al tabellone delle dirette, dove vince il primo assalto, ma si ferma al secondo  contro il numero 9 in classifica generale. Una gara positiva per lui, che con maggior capacità di autocontrollo avrebbe potuto essere sicuramente migliore.